logoatstudio2
Scuola Sassa AQ


SCHEDA PROGETTO

LUOGO: Aquila
COMMITTENTE: Pubblico
DATI DIMENSIONALI: Superficie 10.000 mq 
CRONOLOGIA: Progetto 2017 
PROGETTO ARCHITETTONICO: AT STUDIO con Arch. Antonio Stella Richter, Arch. Andrea Berrettoni, Arch. Giorgia Izzi, Arch. Sara Maneri

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Il progetto presentato si basa sulla volontà di “ri-costruire” un contesto urbano attraverso unIl progetto presentato si basa sulla volontà di “ri-costruire” un contesto urbano attraverso unpolo di elevato rilievo pubblico come il plesso scolastico di Sassa. Un complesso ampio emultifunzionale che accoglierà numerosi studenti e diventerà polo attrattivo per molti cittadini.Una scuola immaginata come centralità urbana e caratterizzata da una forte connotazioneidentitaria sia in relazione alle caratteristiche fisiche del contesto sia per i caratteri immateriali eculturali radicati nel contesto sociale dei luoghi.Il sistema progettato vuole essere una ricucitura dei tessuti che si presentano comunquenell’intorno limitrofo. In particolare la tettonica generale del progetto si basa sulla lettura dellacollina verso sud che fa da bordo al lotto ed alle sue funzioni. Il polo scolastico diventa il naturaleproseguimento del pendio, contenendole in un “terrapieno abitato”.
L’edificio scolastico è stato progettato secondo principi di funzionalità, organicità e flessibilità eL’edificio scolastico è stato progettato secondo principi di funzionalità, organicità e flessibilità edalle forti connotazioni iconiche. Un sistema di spazialità differenti e di luoghi differenziati perdimensioni planimetriche, altezze e volumetrie in relazione alla funzione che ciascuno di essiassolve.Questi principi fondativi sono stati sintetizzati in due sistemi tettonici e funzionali molto chiari edistinti: La piazza/parco, spazio pubblico aperto e a disposizione della collettività e la scuola coni suoi spazi destinati allo studio, più chiusa e raccolta.
LA PIAZZA è interpretata come il nucleo delle funzioni pubbliche intorno alle quali si costruiscela nuova città e si fonda una comunità. E’ tutta la sistemazione degli spazi pubblici a livello zerosui quali si affacciano le funzioni più pubbliche della palestra, dei laboratori, della biblioteca edella mensa. Il progetto punta ad una grande accessibilità e riconoscibilità di questi spazi, nuoviluoghi dell’aggregazione collettiva intorno allo sport ed alla cultura, come un tempo le cattedralied i municipi.
LA CITTA’ intesa come sistema più privato e dal tessuto più minuto è la scuola. Questa“sollevata” al primo livello ha una sua autonomia funzionale e volumetrica. Ha un assetto ditessuto più contenuto, quasi casbatico per alcuni spazi e aperto in ambienti ampi e flessibili perconsentire usi diversi ed attività interciclo e speciali nella massima disponibilità delle areepreviste dal progetto.
logoatstudio2